Historical Dances e workshop

»9 gennaio/26 giugno - Roma, Corso di Scottish Country Dance (Compagnia Nazionale di Danza Storica)

»17 gennaio/21 marzo 2019 - Cento (Ferrara), La danza al tempo del Guercino, corsi di danza Barocca e Rinascimentale (Felsina Danzatrice)

 »19 gennaio/8 giugno 2019 - Venezia, Corso di Danza Barocca. Base (SMAV, Scuola di Musica Antica Venezia) (9 date)

»26 gennaio/16 giugno 2019 - Venezia, Corso di Danza Barocca. Intermedio (SMAV Scuola di Musica Antica Venezia) (10 date)

»9 febbraio/18 maggio - Roma, The Cellarius Waltz - workshop a cura di Giorgia De Luca (Compagnia Nazionale di Danza Storica)

»16 febbraio e 16 marzo - Bologna, Danze Regency (8cento)

 »10 marzo 2019 - Novara, workshop abito da giorno 1860 (Aperitivi A TEMA)

»16/17 marzo 2019 - Firenze, Barocco, Sarabande et folies, le parfum de la danse francaise (corso avanzato e intermedio - Capriccio ARmonico)

» 17 marzo - Bologna, La riscoperta del gotico in Jane Austen (stage danza regency) (8cento)

»22 marzo 2019 - Amelia(Teatro Sociale), Valerio Massimo Manfredi racconta: Germanico Cesare (Bimillenario Germanico, Musei di Amelia, Comune di Amelia e ANTICAE VIAE)

»29/31 marzo 2019 - Bologna, Scottish weekend , workshop Social Dances and Grand Ball in BOlogna (Italy) (Rscds - Northern Italy Branch)

»5 aprile - Londra (UK), London Hat week: Pleated Silk Button  Beret (Bea & Evie Millinery)

»6/7 aprile - Roma, The Dancing Master II,  Workshop a cura di Paolo Testi (Compagnia di Danza Storica)

»6 aprile - Firenze, RInascimento '500, sulle orme della dinastia medicea (corso intermedio Laboratorio 2) (Bruna Gondoni)

»10 aprile - Roma,  La Belle Epoque delle nostre nonne (Museo Boncompagni Ludovisi)

»13/14 aprile 2019 - Firenze, Rinascimento '500, sulle orme della dinastia medicea (corso intermedio e base - Capriccio Armonico)

»13 aprile, Monte Roberto (Ancona) - Tradizioni e Danze Scozzesi (Oasi Danze e Immagina Wedding & events) 

»13 aprile, Roma - Storie di moda con una tazza di tè: la Belle Epoque (L'Arte della Bellezza Arte Moda Spettacolo)

»14 aprile, Roma, Corso di Accessoreria d'Epoca: La borsa stile Impero (1800) (L'Arte della Belleza Arte Moda Spettacolo)

»19/22 aprile - Castel San Pietro Terme (Bo), 27esimo Seminario Pasquale (Società di Danza) (danza ottocentesca e scozzese)

»26 aprile - Leeds (UK), Study Day by Dr. Bill Hutchings (Jane Austen Society Northern Branch)

»27/28 aprile - Firenze, Waltz Masterclass (Atelier de Danse)

»28 aprile/19 e 26 maggio/9 e 23 giugno - Bologna, Corsi di danza Rinascimentale e Barocca (Felsina Danzatrice)

 »12 maggio 2019 - Novara, workshop Robe à la polonaise 1770 (Aperitivi A TEMA)

»12 maggio - Firenze , Rinascimento '500, sulle orme della dinastia medicea (corso misto - laboratorio 3) (Bruna GOndoni)

»13 maggio - Londra, Vintage Millinery Workshop (Bea & Evie Millinery)

»9 giugno - Paviljoen de Witte(Paesi Bassi) , Lectures: Regency&Empire fashion by Cristina e Martin Lancaster (Stichting Revérence)

»22 giugno - Alton (UK), Regency Dance Workshop (JaneAusten Regency Week e Alton Community Center)

»29 giugno - Alton (UK), Playford Dance (Country Dance) (danze regency) (Jane Austen Regency Week)

»29 giugno - Bath (UK), Jane Austen Festival Summer Ball Dance Workshop (Jane Austen Festival, Bath, UK)

»4 agosto - Stonyhurst (UK), Theatre, Ball and country dances & the music of the 18th century (The Historical Dance Society)

»17/18 agosto - Richterswil (Svizzera), Tanzworkshop La Belle Epoque (Barbara Wernli)

Mostre / Exhibitions

»Richmond (VA, USA), Napoleon: Power and Splendor (Virginia Museum of Fine Arts) (fino al 3 settembre 2018)

»Parigi, Chateau des Champs-sur-Marne, "Viva la sposa!" Gli abiti di matrimonio del passato (fino al 12 settembre 2018)

»Castello Reale di Sarre (AO), Reine de l'elegance. Abiti di corte di Maria José di Savoia (5 agosto - 23 settembre)

»Bath(UK), Not Just Jane Art Exhibition (18/23 settembre 2018) (Virginia Crawford)

»Vilnius (Lituania) Taikomosios Dailes Muziejus, The magician of Franch Fashion (21 settembre, The Alexandre Vassiliev Foundation)

»Riga (Lettonia) Modes Muzejs, 1918. The Luxury of independence (4 ottobre, The Alexandre Vassiliev Foundation)

»Milano (Italia), Pinacoteca di Brera - Inaugurazione settimo dialogo attorno a Ingres e Hayez, sguardi diversi sulle donne di metà Ottocento (Ingresso gratuito)

»Basilea (Svizzera), Spielzeug Welten Museum Basel, The exquisite costumes of Venetian Carnival balls (fino al 7 ottobre 2018)

»New York (USA), Fashion and the Catholic imagination (The MET) (fino all'8 ottobre 2018)

»Sidney (Australia), Powerhouse Museum -  Reigning Men: Fashion in Menswear, 1715-2015 (fino al 14 ottobre 2018)

»Monza (Italia), Villa Reale, La regina Sissi a casa di Margherita (fino al 31 ottobre 2018)

»Milano, Palazzo Morando - Costume, moda immagine - Outfit '900 (fino al 4 novembre 2018)

»Arezzo, Basilica di San Francesco - Mode e Modi. Stile e Costume in Italia 1900-1960  (fino al 4 novembre 2018)

»Gualtieri (RE), Palazzo Bentivoglio -  "Umberto Tirelli, ritorno a Gualtieri" - (fino al 25 novembre 2018)

»Acquaviva delle Fonti (BA), Sognare e perdersi... negli abiti di un tempo (fino al 31 dicembre 2018)

»Norimberga (Germania), Germanisches National Museum - Luxury in silk. Fashion in the 18th century (5 luglio - 6 gennaio 2019)

»Novara, Ottocento in collezione. Dai Macchiaioli a Segantini (20 ottobre 2018 - 24 febbraio 2019)

»Glen Eira City Council (Australia), Dressing Australia - Museum of Costume: Be Persuaded - Jane Austen (dal 25 ottobre al 17 novembre 2018)

»Guastalla (Italia), Tracce di moda a Guastalla, 500/600/700 e risonanze Novecentesche (dal 15 dicembre 2018 al 17 marzo 2019)

»Ferrara, Boldini e la moda (Palazzo dei Diamanti) (dal 16 febbraio al 2 giugno 2019)

»Londra, National Army Museum, Exhibition about the Hungarian Hussars (fino al 9 giugno 2019)

»Morón de Almazán (Soria, Spagna) - Mostra dei vestiti nuziali dal 1830 al 2004 (fino a dicembre 2019)

»Albi (Francia), Musée de la mode - Broderie (dal 30 marzo al 29 dicembre 2019)

»Hangzhou (Cina), China National Silk Museum, From Rural to Urban: 400 Years of Western Fashion (da giugno 2016 a dicembre 2019)

» Londra(UK), The Great Hat Exhibition 2019 - World Garden (Monique Lee Millinery, London Hat week) 

»Ragusa, Castello di Donnafutaga - Belle époque, mito e moda della gioia di vivere

»Firenze, Museo Stibbert

»Vigevano, Museo della Calzatura

»Bath (UK), Fashion Museum

»Gignese (VB), Museo dell'Ombrello e del Parasole

»Mirto (Messina), Museo Mirto - Museo del Costume e della Moda Siciliana

»Firenze, Palazzo Pitti - Museo della Moda e del Costume

»Amsterdam, Tassen Museum - Museum of Bags and Purse

»Serrone (Frosinone) - Mostra permanente di costumi teatrali

»Montappone (FM) - Museo del cappello

»Scicli (Ragusa) - Museo del costume Mediterraneo

»Burano (Venezia) - Museo del Merletto

»Brescia - Museo delle Armi "Luigi Marzoli"

»Roma - Museo Napoleonico

»Milano - Museo Bagatti Valsecchi, Galleria delle Armi

»San Marino - Museo delle Armi Antiche

»Ghiffa (VB) - Museo dell'arte del cappello

»Australian Museum of Clothing and Texiles

»New York, The Met - The Costume Institute

»Parigi, Musèe de la mode - Palais Galliera

»Madrid, Museo del Traje

»Spoleto, Museo del Tessuto e del Costume 

»Lisbona, Museo Nacional do Traje

»Norimberga (Germania), Germanisches National Museum, clothing from 1700

»Washington (DC, USA), The National Museum of American History - Clothing&Accessoring (from 1700 to the present day)

» Silute (Lituania), The Alexandre Vassiliev Foundation) 

» Medina (Malta), Palazzo Falson, Folding Fan

»Albi (Francia), Musée de la mode

»Berkeley (California,USA), Lecis Museum

»Roma, Museo Nazionale dell'Alto Medievo

»Stoccolma (Svezia), Medieval Museum

»Greenwich(Londra, UK), The Fan Museum

»Halifax (UK), Bankfield Museum, The Fashion Gallery (moda e collezioni di stoffe dall'antico Egitto ai giorni nostri) (Presente dal 4 maggio 2019)

»La Habana (Cuba), Museo Napoleonico

»Capodimonte (Napoli, Italia) - Armeria reale di Capodimonte


Malta, The French in Malta - 5/10 giugno 2018

The 1998 commemoration of the bicentenary of Bonaparte’s arrival in Malta was conceived by Stephen A. Petroni and Alfred Umhey, who were later joined by Stefan Roda and Ann Petroni in the planning stage. In turn, this initiative gave birth to the Historical Reenactment Group of Malta or HRGM with the participation of Nicky Bianchi, Michael Stroud, Martin Degiorgio and many veterans of today’s Napoleonic re-enactment scene.

The spectacular event brought together 450 Napoleonic re-enactors from 12 countries and spanned eight days of displays held in various locations in Malta and Gozo. It was the first of its kind ever to be held in the Islands.

The Malta Campaign of 1798 marked the end of almost 270 years of the rule of the Hospitaller Order of the Knights of St John. During their tenure of power, Maltese corsairs were feared throughout the Mediterranean and the Order’s power, fame and riches grew with every vessel captured. However, the French Revolution brought with it a loss of territories and revenue for the Order. Moreover, the Order’s internal politics weakened its resolve to defend the islands.  When General Bonaparte arrived on the island with his troops in June 1798, it did not take him long to take Mdina, which at the time was the Island’s capital. The island of Gozo was ably defended by the Maltese militia. However, with practically no assistance from the Order they were forced to surrender the Citadel. Just 3 months into the occupation the Maltese rose in rebellion, forcing the French to seek refuge within the fortifications of Valletta. A Maltese delegation sought the assistance of Admiral Nelson, who provided arms to the insurgents and eventually landed British marines on the island. Eventually the beleaguered French garrison was forced to surrender to the Maltese and British troops on 5th September 1800, with the promise of military honours and a safe passage back to France.

A year and a half ago, Martin de Giorgio, the present president of the HRGM, decided to revisit the re-enactment event of 20 years ago and in the first week of June, just 4 weeks ago, 550 Napoleonic military re-enactors from 19 countries worldwide relived the emotions and added new ones to an event that was another great success. Martin and his assistant Louise-Anne were dogged with last minute cancellations and other problems but they pulled their forces together and overcame all obstacles.

As a regular attendee of the annual HRGM Ball and Weekends, I wasn’t going to miss this historic event for the world and I registered with curiosity and anticipation.
In April Marie Bianchi gave me the book “Women in 18th Century Malta” filled with images of the clothes worn by both workers and society ladies and I began searching for suitable fabric to make myself a couple of camp follower outfits similar to those paintings. It wasn’t an easy task but I eventually found the website of a UK company and luckily the fabrics that arrived were perfect! I also found some suitable fabric in my vast stash of material, one of the benefits of a being a cloth hoarder. The original fabric woven by the Maltese women was an indigo blue with white stripes, both fine and broad. No-one is producing this cloth any more and it’s difficult to find something similar. Such a pity!
This was my first reenactment as a camp follower. Back in 2013 I was lucky enough to live in the camp of the Leipzig bicentenary event as a guest of the 113th line infantry regiment, sleeping in a tent and eating with the others, but I wore my high society outfits. Now I finally had a taste of dressing “down” and it was a liberating experience!! My only regret was that I didn’t have a period water bottle to truly play the role of cantiniera. And my canvas bag definitely needs a good shoulder strap.
The event officially began on Tuesday 5th June and I flew into Malta’s airport at lunch time. I missed the first battle at Porte des Bombes at Floriana but caught the very end of the French advance on Valletta with the Order’s troops opposing.
That evening the troops ate their dinner in the main square of the village of Naxxar. Excellent braised chicken drumsticks and rice with vegetables. Each evening the troops ate dinner in a different piazza on the island, followed by concerts and dancing. The food was always delicious, especially given the numbers of people to feed. The HRGM dancers demonstrated English dances from the period in the square.
My first taste of battle was the next afternoon on the hillside behind the fort at Mistra Bay and it was marvellous! The canon fire and the advancing French army, pushing the Order’s forces up the steep and rocky hillside, was at first quite frightening and Marie and I had to find a safe spot on the side. This was soon overrun with fighting soldiers and we was forced to clamber back down to the now unoccupied fort. There I met Kim Krawiec, a cantiniera and vivandiera (selling both water, brandy and pies and pastries to all and sundry) and I bought one of her ricotta pastries. I’m posting a photo Marie took of her on that rocky promontory that is Selmun Peninsula.
The next day, June 7th, Fort St. Angelo was open to the public. The French army was billeted there and we had a chance to see their sleeping quarters and explore the Fort. Marie and I visited the private part of the Fort dedicated to the last Knights of Malta, with private apartments and gardens and fountains. An oasis of cool calm.
That evening I donned a ball dress from the 1798 directoire style (with the train pinned up and feathers in my hair) and attended the exclusive officer’s Ball at the San Anton Palace, the official residence of Malta’s president. She graciously allowed us to be the first ever guests to hold a private function in the Palace and garden. The location was perfect, the evening balmy and the dancing as wonderful as it always is with the HRGM dancers and the orchestra playing music orchestrated by David Mallia. It was good to have some of the officers present and to find that many were excellent dancers once they had mastered the Regency choreography.
Over the next couple of days the skirmishes in the streets of the various villages around the island became more and more realistic as the soldiers uniforms became increasingly covered in the white Maltese dust and sweat from days of forced marches. The troop’s sheer fatigue from little sleep and heat added to the overall effect for those who came to watch and I imagine that for those participating, the memories will be clear and strong.
The last two days were spent on the island of Gozo. Everyone travelled over on the ferry and then caught buses to Ramla Bay where the Order’s forces opposed the landing of the French troops. In the afternoon the attention was focussed on the Citadel where the French accepted the Maltese surrender. That evening we danced in a frescoed hall in one of Gozo’s Ministry buildings right on St Francis square in Rabat. Some soldiers and camp followers joined in, which was what we had been hoping for all along.
The final day of the event was Sunday 10th June. The re-enactment recalled the uprising of the population of Gozo against the French who then retreated to the Citadel and remained under siege until they finally accepted the British terms of surrender and departed the island. The British occupied the Citadel and in 1800 the British finally drove the besieged French from Valleta and Malta began her 165-year period under British rule.
What a week it was!! So many events and battles, so many new friends and good times had with old. I was sad to leave and come back to “normality”.
My congratulations go to Martin and Louise-Anne for a marvellous event and I look forward to my next event as a cantiniera!

***

Risale ormai al 1998 la commemorazione del bicentenario dell'arrivo di Bonaparte a Malta che fu concepita  da Stephen A. Petroni e Alfred Umhey, a cui si aggiunsero in fase di progettazione  Stefan Roda e Ann Petroni. A sua volta, questa iniziativa, ha dato vita successivamente al Gruppo di Rievocazione Storica di Malta (HRGM) con la partecipazione di Nicky Bianchi, Michael Stroud, Martin Degiorgio e molti veterani dell'attuale scena di rievocazione Napoleonica.

L'evento spettacolare ha visto coinvolti  450 rievocatori napoleonici provenienti da 19 paesi e si è svolta durante otto giorni pieni di eventi  tenutesi in varie località tra Malta e Gozo. E' stato 
il primo evento di questa portata ad essersi mai svolto nell'arcipelago.

La campagna di Malta, del 1798, segnò la fine di quasi 270 anni di dominio dell'Ordine Ospedaliero dei Cavalieri di San Giovanni. Durante il loro mandato, i Cavalieri appoggiarono  i corsari maltesi, temuti in tutto il Mediterraneo, facendo in tal modo aumentare, ad ogni nave catturata,  il loro potere, la loro fama e  le loro ricchezze. Tuttavia, la rivoluzione francese comportò per l'Ordine perdite di territori e di entrate, mentre la politica interna indebolì la loro stessa determinazione a difendere le isole. Quando il generale Bonaparte arrivò sull'isola con le sue truppe, nel giugno del 1798, non gli ci volle molto per prendere Mdina, che all'epoca era la capitale dell'isola. L'isola di Gozo, pur essendo abilmente difesa dalla milizia maltese, senza l'assistenza dell'Ordine, cedette ben presto  la Cittadella. Tuttavia, a soli 3 mesi dall'occupazione, i maltesi si ribellarono, costringendo i francesi a cercare rifugio nelle fortificazioni de La Valletta. A quel punto i Maltesi decisero di chiedere l'aiuto degli inglesi  che inviarono l'ammiraglio Nelson, che fornì armi agli insorti e riuscì a sbarcare con le sue truppe sull'isola. Alla fine la guarnigione francese assediata fu costretta ad arrendersi alle truppe maltesi e britanniche il 5 settembre 1800, con la promessa di  onori militari e un passaggio sicuro in Francia.

Un anno e mezzo fa, Martin de Giorgio, l'attuale presidente dell'HRGM, ha deciso di riorganizzare  l'evento di rievocazione tenutasi  20 anni fa e nella prima settimana di giugno, 550 militari napoleonici rappresentanti di 19 paesi del mondo hanno rivissuto le emozioni, e aggiunte di nuove, ad un evento che è stato un altro grande successo. Martin e la sua assistente, Louise-Anne, pur nelle difficoltà di cancellazioni dell'ultimo minuto e altri problemi, hanno unito le loro forze e superato tutti gli ostacoli.

Come partecipante regolare dell'HRGM Ball and Weekends annuale, non mi sarei mai persa questo evento "storico" per il mondo dei rievocatori e mi sono registrata con curiosità e aspettativa.

Ad aprile Marie Bianchi mi ha regalato il libro "Women in 18th Century Malta" con immagini degli abiti indossati sia dai  lavoratori che dalle donne dell'epoca della società e ho iniziato a cercare tessuti adatti a farmi un paio di abiti da "camp follower" in qualità di cantiniera,  simili a quelli dei dipinti.

Non è stato un compito facile, ma alla fine ho trovato il sito web di un'azienda britannica e per fortuna i tessuti che sono arrivati erano perfetti! Ho anche trovato un tessuto adatto alla mia vasta scorta di materiale, uno dei vantaggi di essere un' "accaparratrice" di stoffa. Il tessuto originale tessuto dalle donne maltesi era di un blu indaco con strisce bianche, sia fini che larghe. Nessuno produce più questo tessuto ed è difficile trovare qualcosa di simile. Che peccato!

Questa è stata la mia prima rievocazione come "cantiniera". Nel 2013 ho avuto la fortuna di vivere nel campo del bicentenario di Lipsia come ospite del 113 ° reggimento  fanteria, dormire in una tenda e mangiare con gli altri, ma indossavo i miei abiti da "alta società". Ora ho finalmente avuto il gusto di vestire in abiti da "lavoro" ed è stata un'esperienza liberatoria! Il mio unico rimpianto è stato il fatto che non avevo una bottiglia d'acqua del periodo per interpretare veramente il ruolo della cantiniera. E la mia borsa di tela ha sicuramente bisogno di una buona tracolla.


L'evento è iniziato ufficialmente martedì 5 giugno e sono volata all'aeroporto di Malta all'ora di pranzo perdendo la prima battaglia a Porte des Bombes a Floriana, ma sono comunque riuscita a partecipare alla fine dell'avanzata francese su La Valletta con le truppe dell'Ordine che si opponevano.

Quella sera le truppe hanno cenato nella piazza principale del villaggio di Naxxar. Ottimo pollo brasato e riso con verdure. Ogni sera le truppe cenavano in una piazza diversa dell'isola, cena a cui seguivano concerti e danze. Il cibo e' sempre stato delizioso, soprattutto considerando il numero di persone da sfamare. I ballerini di HRGM hanno allietato le serate con  danze inglesi del periodo storico interessato.

Il mio primo assaggio di battaglia è stato il pomeriggio successivo sulla collina dietro il forte di Mis-tra Bay ed è stato meraviglioso! Il fuoco dei cannoni e l'avanzata dell'esercito francese, spingevano le truppe dell'Ordine su per il pendio ripido e roccioso, facendoci un po' paura così con  Marie Bianchi abbiamo dovuto trovare un posto sicuro. Il nostro posto è rimasto sicuro però per poco tempo poichè subito dopo è stato invaso dai soldati combattenti, costringendoci a  inerpicarci verso il forte ormai espugnato. Lì ho conosciuto  Kim Krawiec, cantiniera e vivandiera intenta a  vendere acqua, brandy, torte e pasticcini a tutti quanti e  ne ho approfittato per  comprare uno dei suoi deliziosi dolci alla  ricotta (la foto di Kim la ritrae sul promontorio roccioso della penisola di Selmun).

Il giorno seguente, il 7 giugno, Fort St. Angelo era aperto al pubblico. L'esercito francese era allocato lì e abbiamo avuto la possibilità di vedere i loro dormitori ed esplorare il forte. Marie ed io abbiamo visitato la parte privata del Forte dedicata agli ultimi Cavalieri di Malta, con appartamenti privati, giardini e fontane. Un'oasi di calma fresca.

Quella sera ho indossato un abito da ballo del 1798 stile direttorio (con  le piume tra i capelli) e ho partecipato all'esclusivo Ballo degli ufficiali al Palazzo di San Anton, la residenza ufficiale dell'attuale Presidente di Malta. Ci ha gentilmente permesso di essere i primi ospiti in assoluto a tenere una funzione privata nel Palazzo e nel giardino. La location è stata perfetta, la serata è stata mite e il ballo è stato meraviglioso, come sempre con i ballerini HRGM e l'orchestra che suonava musica orchestrata da David Mallia. E' stato bello avere la presenza di alcuni degli ufficiali  coinvolti nelle battaglie e scoprire che molti sono eccellenti ballerini e sono pienamente padroni delle  coreografie Regency.


Nei due giorni successivi le schermaglie nelle strade dei vari villaggi intorno all'isola sono diventate  sempre più realistiche mentre le uniformi dei soldati erano  sempre più coperte dalla bianca polvere maltese e dal sudore dei giorni delle marce forzate. La truppa, affaticata dal poco sonno e dal caldo, hanno aggiunto una connotazione di "realtà" a tutto l'evento fornendo, al pubblico che ha assistito, una immagine vera di quella che dovevano essere le battaglie dell'epoca, lasciando sicuramente ricordi indelebili.

Gli ultimi due giorni sono stati impegnati sull'isola di Gozo. Tutti hanno viaggiato sul traghetto e poi hanno preso gli autobus per Ramla Bay, dove le truppe dell'Ordine si sono opposte allo sbarco delle truppe francesi. Nel pomeriggio l'attenzione si è concentrata sulla Citadel dove i francesi hanno accettato la resa maltese. Quella sera abbiamo ballato in una sala affrescata in uno degli edifici del Ministero di Gozo, proprio in piazza San Francesco a Rabat. Alcuni soldati e seguaci del campo si sono uniti a noi (ed era ciò che speravamo).

L'ultimo giorno dell'evento è stato domenica 10 giugno. La rievocazione ha rappresentato la rivolta della popolazione di Gozo contro i francesi che si ritirarono poi sulla Citadel e rimasero sotto assedio fino a quando non accettarono definitivamente i termini britannici di arresa e se ne andarono dall'isola. Gli inglesi, dopo l'occupazione della Cittadella  e la cacciata dei francesi da Malta,  hanno iniziato il loro periodo di dominio durato 165 anni.


Che settimana!! Così tanti eventi e battaglie, tanti nuovi amici e bei momenti passati con  quelli vecchi.Tornare alla normalità è stato triste!

Le mie congratulazioni vanno a Martin e Louise-Anne per questo evento meraviglioso
e non vedo l'ora che arrivi il mio prossimo evento come cantiniera!


Reportage di Margarita Martinez

  

  


Foto Marie Bianchi


Sito costruito e gestito da Silvia Basile (www.bassil.altervista.org), con la collaborazione di Anna Lisa Desiati
sfondo "horse" di ractapopulous - www.pixabay.com 

Immagini slide: pic nic e balli (sixth Malta Regency weekend 2018, foto di Tanya Zammit e Anna Lisa Desiati), promenade (Regency weekend in Festetic Palace, Ungheria di Zsuzsi Dingsdale, foto di Anna Lisa Desiati), visite culturali (Visita Centrale Montemartini in anni '20, 2018 - Playing History, foto di Fabrizio Cocci)

sito on line da Aprile 2018|Privacy Policy