Historical Dances e workshop

»9 gennaio/26 giugno - Roma, Corso di Scottish Country Dance (Compagnia Nazionale di Danza Storica)

 »19 gennaio/8 giugno 2019 - Venezia, Corso di Danza Barocca. Base (SMAV, Scuola di Musica Antica Venezia) (9 date)

»26 gennaio/16 giugno 2019 - Venezia, Corso di Danza Barocca. Intermedio (SMAV Scuola di Musica Antica Venezia) (10 date)

»9 febbraio/18 maggio - Roma, The Cellarius Waltz - workshop a cura di Giorgia De Luca (Compagnia Nazionale di Danza Storica)

»13 aprile, Monte Roberto (Ancona) - Tradizioni e Danze Scozzesi (Oasi Danze e Immagina Wedding & events) 

»28 aprile/19 e 26 maggio/9 e 23 giugno - Bologna, Corsi di danza Rinascimentale e Barocca (Felsina Danzatrice)

 »12 maggio 2019 - Novara, workshop Robe à la polonaise 1770 (Aperitivi A TEMA)

»12 maggio - Firenze , Rinascimento '500, sulle orme della dinastia medicea (corso misto - laboratorio 3) (Bruna GOndoni)

»13 maggio - Londra, Vintage Millinery Workshop (Bea & Evie Millinery)

»9 giugno - Paviljoen de Witte(Paesi Bassi) , Lectures: Regency&Empire fashion by Cristina e Martin Lancaster (Stichting Revérence)

»22 giugno - Alton (UK), Regency Dance Workshop (JaneAusten Regency Week e Alton Community Center)

»29 giugno - Alton (UK), Playford Dance (Country Dance) (danze regency) (Jane Austen Regency Week)

»29 giugno - Bath (UK), Jane Austen Festival Summer Ball Dance Workshop (Jane Austen Festival, Bath, UK)

»15 luglio - Barcellona (Spagna), Curso de Danza Barroca (Bastian Von Beauvais)

»27 luglio/4 agosto - Roma, Humor Bizzarro, Intarsi di musica e danza antica, teatro delle memoria (Humor Bizzarro)

»4 agosto - Stonyhurst (UK), Theatre, Ball and country dances & the music of the 18th century (The Historical Dance Society)

»17/18 agosto - Richterswil (Svizzera), Tanzworkshop La Belle Epoque (Barbara Wernli)

Mostre / Exhibitions

»Vilnius (Lituania) Taikomosios Dailes Muziejus, The magician of Franch Fashion (21 settembre, The Alexandre Vassiliev Foundation)

»Riga (Lettonia) Modes Muzejs, 1918. The Luxury of independence (4 ottobre, The Alexandre Vassiliev Foundation)

»Milano (Italia), Pinacoteca di Brera - Inaugurazione settimo dialogo attorno a Ingres e Hayez, sguardi diversi sulle donne di metà Ottocento (Ingresso gratuito)

»Ferrara, Boldini e la moda (Palazzo dei Diamanti) (dal 16 febbraio al 2 giugno 2019)

»Londra, National Army Museum, Exhibition about the Hungarian Hussars (fino al 9 giugno 2019)

»ALtare (SV, Italia), I Carabinieri Reali in Villa Rosa (Fabrizio Bava) (dal 29 giugno al 14 luglio 2019) 

»Morón de Almazán (Soria, Spagna) - Mostra dei vestiti nuziali dal 1830 al 2004 (fino a dicembre 2019)

»Albi (Francia), Musée de la mode - Broderie (dal 30 marzo al 29 dicembre 2019)

»Hangzhou (Cina), China National Silk Museum, From Rural to Urban: 400 Years of Western Fashion (da giugno 2016 a dicembre 2019)

» Londra(UK), The Great Hat Exhibition 2019 - World Garden (Monique Lee Millinery, London Hat week) 

»Ragusa, Castello di Donnafutaga - Belle époque, mito e moda della gioia di vivere

»Firenze, Museo Stibbert

»Vigevano, Museo della Calzatura

»Bath (UK), Fashion Museum

»Gignese (VB), Museo dell'Ombrello e del Parasole

»Mirto (Messina), Museo Mirto - Museo del Costume e della Moda Siciliana

»Firenze, Palazzo Pitti - Museo della Moda e del Costume

»Amsterdam, Tassen Museum - Museum of Bags and Purse

»Serrone (Frosinone) - Mostra permanente di costumi teatrali

»Montappone (FM) - Museo del cappello

»Scicli (Ragusa) - Museo del costume Mediterraneo

»Burano (Venezia) - Museo del Merletto

»Brescia - Museo delle Armi "Luigi Marzoli"

»Roma - Museo Napoleonico

»Milano - Museo Bagatti Valsecchi, Galleria delle Armi

»San Marino - Museo delle Armi Antiche

»Ghiffa (VB) - Museo dell'arte del cappello

»Australian Museum of Clothing and Texiles

»New York, The Met - The Costume Institute

»Parigi, Musèe de la mode - Palais Galliera

»Madrid, Museo del Traje

»Spoleto, Museo del Tessuto e del Costume 

»Lisbona, Museo Nacional do Traje

»Norimberga (Germania), Germanisches National Museum, clothing from 1700

»Washington (DC, USA), The National Museum of American History - Clothing&Accessoring (from 1700 to the present day)

» Silute (Lituania), The Alexandre Vassiliev Foundation) 

» Medina (Malta), Palazzo Falson, Folding Fan

»Albi (Francia), Musée de la mode

»Berkeley (California,USA), Lecis Museum

»Roma, Museo Nazionale dell'Alto Medievo

»Stoccolma (Svezia), Medieval Museum

»Greenwich(Londra, UK), The Fan Museum

»Halifax (UK), Bankfield Museum, The Fashion Gallery (moda e collezioni di stoffe dall'antico Egitto ai giorni nostri) (Presente dal 4 maggio 2019)

»La Habana (Cuba), Museo Napoleonico

»Capodimonte (Napoli, Italia) - Armeria reale di Capodimonte

»Banksfield (UK) - Banksfield Museum (The fashion gallery)


Loano 5/7 ottobre 2018, Impero sotto attacco Loano 1812

Excerpts from the Diary of Baroness Bristow, Grand Tour Italy 1810 to 1813 

Saturday 6th of October 1812 Loano. 

-we arrived yesterday as the sun set on this charming seaside town, I being quite fatigued, went early to bed at the inn we were staying, thereby missing the arrival of many travellers who had come to stay after rumours that the English were planning to assault the town Sovanna, situated a little further up the coast. 

I breakfast early and met with my charming companions Mme, Brigitte and Mme Alessandra, both who were attired in elegant white day dresses, Mme A. was wearing a silk muslin, with long sleeves tied at the wrist in ruffles (the seaside can be either too hot or too cold for a delicate complexion), her neckline was scooped and the outfit was drawstring fastened. The length just at the ankle to allow free walking movement. Mme B. likewise a white day dress, worn with a chemisette a la Elizabethan style, very popular I have noticed this year in protecting against draughts and improper exposing of decollage. As we prepared to meet other guests, Mme A wore a black velvet bonnet, small brim with a lace veil and long shawl for warmth and colour, Mme B a pelisse a la militare style with a small red silk bonnet and matching gloves. I myself wore my green spencer and matching velvet bonnet with gold bullion trims and green plumes and gloves for our first walk to the sea. 

We met others in the reception room, there were a number of ladies and gentleman, many of who I knew from previous stops on my Grand Tour, it was good to greet old friends. I noticed many of the ladies from Germany and England were in white, with strong colours of autumn in pelisses and spencer jackets, bonnets were varied from wide brim and perched creations with plumes and ribbon decorating the silk. The French ladies were very much in lace and ruffles, with ruched dresses of pale silks and veils, wide brim bonnets in creams and pinks, very delicate. The Italian ladies wore colour dresses in fine strips, which made them look like colourful flocks of little birds which suited their animated natures. One dress caught my eye, and I was most envious of a delicate printed cotton in sprigs of cherries and stems. It suited the young lady who was from Germany with her Cousin, she was very demure as should be for one of that age. The rain cleared and we decided to go for a stroll. 

Our first walk down to the sea was lovely, but I could not help but notice that amount of Military gentleman that were in the town, but I am not duly concerned, our gentleman of the party are protection enough against unwanted advances. Surprise, General Puleo has invited our large party to a special dinner at the palazzo this evening with the local dignitaries, this has sent the ladies into a flurry of preparation, each trying to outdo the other! We returned to the inn, where we were met with a messenger saying the English were going to land in the town! Some of the party were desirous of seeing this and returned to the sea front, in the distance I could hear the sound of cannon fire (Mme H felt sure it was thunder – a woman prone to giddiness at the best of times), I was not worried, there was a large garrison here, and I felt sure they could repel invaders. Several anxious hours passed for some (I took advantage and slept – still tired from the rigours of travelling) and a second message came that the General had succeeded in overcoming the English attack by sea. This sent Mme H into raptures and she needed smelling salts to calm her nerves.

 That evening, we met in the Palazzo that looked beautiful, adorned in candles to light our way. The gentlemen were properly attired in evening dress and buckled shoes, the ladies in every colour silk, blue, cream, russet buttercup yellow and green. Some dresses simply cut but most with decoration on the hem, a lace flounce or silk flowers in garland like swathes. All were short puffed sleeve and low fronts. Hair was dressed with combs, flowers, feather plumes, twists of silk. And Parure worn of sapphire, diamond, garnet and coral. I wore a turban (my maid having the ague and not able to dress my hair) it was much admired, I felt absurdly pleased by this. The dining room was laid in white linen and silver, with evergreen at the edges of the tables. They faced inwards to a large mosaic on the floor, with silver candlesticks that would not look amiss at Devonshire House. Each lady was presented with a rose bouquet from one of the General’s staff. A lovely touch. The evening was a success and the ‘peace cake’ was an interesting touch, I fear these wars are not over whilst Napoleon has a plan. 

Sunday 7th of October 

I decided not go on the sailing boat excursion this morning and elected to stroll into the town, I noticed the recent musket holes in the walls of the town and smell of gunpowder in the air, all very thrilling I am sure for Mme H. I saw my companions on a splendid ship at the sea front, but I do not think they could see me waving (nor could my old governess, she would have reprimanded me greatly about behaving in such a free manner – it must be the Italian air). I met them at the dock when they returned and we made our way home ward for refreshments. I noticed the ladies looked a little sea blown, but were all wearing light coloured clothes, much more fitting for a seaside outing. Shawls were a plenty, beautifully woven or printed in strong colours of green and red, ochre and blue and one in an attractive turmeric colour with a small woven red border. 

And so onto Genoa tomorrow. Too much excitement for a gentle couple of days at the seaside I fear, I am greatly fatigued and will now blow out my candle and endeavour to write about the scandal of the lady and the cuirassier at a later date.


Reportage di Allison Bristow

***

Estratti dal diario della Baronessa di Bristow, Grand Tour Italy dal 1810 al 1813 

Sabato 6 ottobre 1812 Loano. 

Sono arrivata ​ieri mentre il sole tramontava su questa affascinante città di mare, e poichè ero stanca decisi di ritirarmi presto, questo purtroppo mi fece perdere l'arrivo di molti viaggiatori che erano venuti a Loano dopo aver sentito le voci che gli inglesi stavano progettando di assalire la città di Savona, situata poco più in alto sulla costa. 

Il giorno dopo, essendomi alzata di buon ora, decisi di fare colazione e mi recai all’incontro con i miei affascinanti compagni Madame Brigitte e Madame Alessandra, entrambe vestite con eleganti abiti bianchi da giorno, Madame A. indossava una mussola di seta, con maniche lunghe legate al polso (poiché l’aria di mare può risultare sia troppo calda che troppo fredda per una carnagione delicata), la sua scollatura era arrotondata e la lunghezza dell’abito arrivava alla caviglia per consentire il movimento libero dei piedi, senza intralcio. Anche Madame B.indossava un abito da giorno bianco, con una chemisette di stile elisabettiano, molto popolare all’epoca, che serviva a proteggere dalle correnti d'aria e dall'esposizione inadeguata del decolté

Mentre ci preparavamo ad incontrare altri ospiti, Madame A indossò il suo berretto di velluto nero, con una piccola tesa, un velo di pizzo e un lungo scialle per ripararsi dal calore, mentre Madame B indossava un pelissè di stile militare con un cappellino di seta rossa e guanti abbinati. Io invece decisi di indossare per la mia prima passeggiata la mare, uno spencer verde ed in abbinamento un bonnet di velluto con finiture in oro e piume e guanti verdi.
Nella hall incontrammo diversi ospiti venuti da lontano, molti dei quali ebbi il piacere di conoscere durante un mio precedente Grand Tour, e fui felice di salutare dei vecchi amici. 

Notai che molte Signore provenienti dalla Germania e dall'Inghilterra erano vestite di bianco,mentre per gli spencer ed i pelissè avevano scelto i colori forti dell'autunno; i cappelli invece erano di varie fogge, dalla tesa larga a creazioni ornate di piume e nastri che decoravano la seta dei copricapi. 

Le Signore francesi avevano scelto invece pizzi e volant, con abiti di seta di colori tenui e veli, cappelli a tesa larga nei delicati colori crema e rosa. Le signore italiane indossavano invece colorati abiti a strisce sottili, che li rendevano simili a stormi colorati di uccellini adattandosi in tal modo alla loro natura animata. 

Un vestito in particolare attirò la mia attenzione, rendendomi molto invidiosa, era di un delicato cotone stampato con rametti di ciliegie e steli. Si addiceva perfettamente alla Signorina che era venuta in visita con la cugina dalla Germania, persona molto riservata come si addiceva alla sua età. 

Finalmente la pioggia diradò e decidemmo di fare una passeggiata. 

La nostra prima passeggiata fino al mare fu deliziosa e potei notare un discreto numero di gentiluomini in vesti militari che erano in città, ma non me ne preoccupai molto in quanto i gentiluomini della nostra compagnia furono sufficientemente protettivi da evitare qualsiasi avance da noi non gradita. 

A sorpresa, il Generale Puleo ci invitò per quella stessa sera ad una cena speciale a Palazzo, con i dignitari locali, questo ovviamente provocò un fermento tra le Signore che decisero di preparasi al meglio per cercare di essere la più bella e superare in eleganza le altre. 

Prima di fuggire per i preparativi serali però, tornammo alla locanda e li incontrammo un messaggero che ci comunicò che gli inglesi erano arrivati in città. Alcuni nostri compagni, desiderosi di vedere le truppe inglesi decisero di tornare verso la spiaggia mentre in lontananza iniziavano ad udirsi i fuochi dei cannoni (la Signora H era certa si trattasse di un tuono, visto il grigiore del cielo). 

Io non ero preoccupata dell’avvicinarsi della battaglia poiché eravamo circondati da una grande guarnigione ed ero più che sicura che fossero in grado di respingere gli invasori inglesi. 

Per alcuni invece furono ore ansiose (che io passai riposandomi dalle fatiche del viaggio), quando arrivò un secondo messaggio nel quale si annunciava che il generale francese era riuscito a respingere l’attacco inglese. Questa notizia fece andare in visibilio la Signora H che dovette ricorrere ai Sali per calmare i suoi fragili nervi. 

Quella sera, la nostra compagnia di riunì nel bellissimo Palazzo municipale, ornato di candele che illuminavano il nostro cammino. 

I Signori erano tutti benvestiti con i loro abiti da sera e scarpe con la fibbia, mentre le Signore indossavano tutti i colori della seta, blu, crema, ruggine, giallo e verde. Alcuni abiti erano elegantemente semplici mentre altri erano ornati con decorazioni sull’orlo, balze di pizzo o fiori di seta composte in ghirlande. Tutte e maniche degli abiti erano corte e a sbuffo. I capelli erano ornati di pettini, fiori, piume, e torchon di seta. Indossavano parure di zaffiri, diamanti, granati e corallo. 

Io decisi di indossare un turbante (la mia cameriera aveva la febbre e da sola non ero in grado di acconciare i miei capelli), che fu molto ammirato facendomi sentire molto soddisfatta. 

La sala da pranzo era elegantemente addobbata, i tavoli erano coperte da tovaglie di lino bianco e argento, con composizioni di sempreverdi ai bordi ed erano sistemati in modo da permettere agli ospiti di ammirare un mosaico centrale. Non mancavano candelabri d'argento che sarebbe stati perfetti anche alla Devonshire House. Ogni Signora presente alla cena fu omaggiata di un mazzo di rose dallo staff del Generale, cosa che costituì senz’altro un tocco di classe. 

La serata fu un successo ed il "dolce della pace" interessante, ma temetti che le guerre non fossero finite con quella serata poiché Napoleone aveva senz’altro un piano. 

Domenica 7 ottobre 
Decidetti di non andare con la compagnia in barca a vela quella mattina, andai quindi a passeggiare per la città, questo mi permise di notare i recenti danni provocati dai moschetti nelle mura della città e sentire l'odore della polvere da sparo nell'aria, particolari sicuramente molto elettrizzanti per Madame H. 

In lontananza vidi i miei compagni salire su una splendida nave, ma non credo che potessero vedermi mentre agitavo la mano per farmi notare (la mia vecchia governante mi avrebbe rimproverato molto per questo mio comportamento…così sfrontato.. sarà stata l'aria italiana) . 

Ebbi comunque modo di incontrali al molo alla fine della loro escursione in barca e decidemmo di rientrare tutti insieme per il rinfresco. 

Alcune Signore, notai, erano un po’ scosse per il dondolio della nave e tutte indossavano abiti chiari, molto adatti per una gita in riva al mare. Gli scialli erano diversi, di splendidi tessuti o stampati in forti colori verde e rosso, ocra e blu e uno in un attraente colore curcuma con un piccolo bordo rosso intrecciato. 

E così domani si va verso Genova. 

Troppa eccitazione per un paio di giorni al mare, sono molto stanca e spengo la mia candela…cercherò di scrivere dello scandalo della signora e del corazziere in un altro momento.


Reportage di Allison Bristow

 





Foto Timothy Nelms, Andrea Bolla e Anna Lisa Desiati

Sito costruito e gestito da Silvia Basile (www.bassil.altervista.org), con la collaborazione di Anna Lisa Desiati
sfondo "horse" di ractapopulous - www.pixabay.com 

Immagini slide: pic nic e balli (sixth Malta Regency weekend 2018, foto di Tanya Zammit e Anna Lisa Desiati), promenade (Regency weekend in Festetic Palace, Ungheria di Zsuzsi Dingsdale, foto di Anna Lisa Desiati), visite culturali (Visita Centrale Montemartini in anni '20, 2018 - Playing History, foto di Fabrizio Cocci)

sito on line da Aprile 2018|Privacy Policy